SnapCart, a Roma il nuovo Social Shopping per fare spesa. Si risparmiano tempo e denaro e si offrono posti di lavoro
Di nuovo a Tavola
La spesaSnapCart, a Roma il nuovo Social Shopping per fare spesa. Si risparmiano tempo e denaro e si offrono posti di lavoro

SnapCart, a Roma il nuovo Social Shopping per fare spesa. Si risparmiano tempo e denaro e si offrono posti di lavoro

by

Un nuovo modo di fare la spesa, una nuova opportunità di guadagno e un’occasione per risparmiare tempo prezioso. Tutti possono usufruire di SnapCart, la piattaforma pensata per ordinare la spesa a distanza, con l’opportunità di fare impresa, creare un servizio efficiente e posti di lavoro. Come? Sfruttando l’idea di un gruppo di ragazzi di Roma che, già in funzione in alcuni quartieri della Capitale, punta a raggiungere tutta la città. Per riuscirci, SnapCart sta partecipando all’iniziativa Nastro Azzurro Crowd, lanciata sulla piattaforma di crowdfunding Eppela, a supporto della creatività e dell’innovazione italiana, ma solo se raccoglierà un importo pari almeno al 50% del traguardo prefissato, riceverà da Nastro Azzurro un contributo fino a un massimo di 5.000 euro.

Con SnapCart, le interminabili file alla cassa o la corsa, usciti da lavoro, per arrivare prima dell’orario di chiusura del supermercato, potrebbero diventare soltanto un ricordo anche perché lo staff si impegna a mantenere sempre aggiornati i prezzi dei prodotti in offerta dei più grandi supermarket, garantendo non solo un risparmio di tempo, ma anche di denaro.

Entrare a far parte di SnapCart è semplice. Esistono due tipologie di profilo: lo Snapper, colui che si offre per fare la spesa anche ad altre persone e il Cliente, colui che delega uno Snapper a fare la spesa per lui. Per essere un cliente, è sufficiente registrarsi, inserire l’indirizzo di consegna e scegliere il supermercato preferito nelle vicinanze. A quel punto, si è all’interno del negozio e si possono aggiungere prodotti al carrello, da un catalogo di oltre 20mila articoli. Per completare l’ordine, si deve inserire l’orario di consegna e procedere. Per essere uno Snapper, invece, è necessario compilare il form sul sito. Gli Snapper sono soggetti indipendenti da SnapCart che potranno impostare autonomamente il proprio orario di lavoro, vedere gli ordini disponibili e decidere se prenderli in carico, guadagnando 4 euro per consegna fino a un massimo di due consegne all’ora.

In sostanza: con SnapCart la spesa è possibile 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, comodamente dal divano di casa, dando vita a un rapporto di collaborazione e scambio con chi vuole guadagnare qualche extra. Il costo del servizio è di 3,99 euro fino a un massimo di 40 euro, poi è gratis. Attualmente SnapCart ha già raggiunto importanti accordi con diversi enti e istituzioni di Roma, come la Corte dei Conti, il Ministero dell’Agricoltura, il Ministero dell’Economia e della Finanza e altri ancora. I dipendenti possono usufruire gratuitamente del servizio, anche per importi inferiori a 40 euro.

L’obiettivo di SnapCart è quello di crescere e ottenere una diffusione sempre maggiore. Selezionato per la prima call di Nastro Azzurro Crowd, ha tempo fino al 27 aprile per raggiungere il budget richiesto. Per supportarlo: www.eppela.com, nella sezione dedicata all’iniziativa. I fondi raccolti attraverso la campagna, serviranno ai giovani progettisti romani per fare fronte alle spese di marketing necessarie a una maggior promozione del servizio.

Commenti

Commenti

SnapCart, a Roma il nuovo Social Shopping per fare spesa. Si risparmiano tempo e denaro e si offrono posti di lavoro ultima modifica: 2018-04-20T15:21:21+00:00 da Carmine Seta

leave a reply

Back to Top