Di nuovo a Tavola
Dalla terraIl marrone segnino, alla scoperta dell’antica miniera di Segni (IL VIDEO)
MARRONE SEGNINO

Il marrone segnino, alla scoperta dell’antica miniera di Segni (IL VIDEO)

by

Un frutto è il risultato del nostro lavoro, l’obiettivo che perseguiamo ogni giorno. Ma un frutto è anche una parte della nostra immagine e identità come popolo. Siamo a Segni, in provincia di Roma, dove il marrone rappresenta il simbolo dell’esistenza di ciascun abitante.

Per capire il valore e l’importanza di questo prodotto della terra bisogna percorrere a ritroso la storia di questo popolo, delle sue dinastie e vicissitudini.

LEGGI ANCHE: La ricetta di Marco Graziosi con i Marroni

Già dal Medioevo, e ancor prima, i boschi segnini erano formati da castagni cedui. Tuttavia l’attuale innesto di derivazione fiorentina fu portato a Segni da “Donna Fulvia”, ultima erede della dinastia Conti che  aveva sposato il conte Mario Sforza di Santa Fiora.

Da allora questi boschi di marroni producono frutti di ottima qualità paragonabili al marrone fiorentino, ricercato dall’industria dolciaria per le farine e i marron glacès. A partire dal 1900 e poi più avanti questo prodotto diventa il principale mezzo di sostentamento. L’industrializzazione, i cambiamenti climatici e la diffusione di nuove malattie hanno poi deteriorato il rapporto tra gli abitanti di Segni e i castagneti.

Oggi il peso di questa importante eredità è stato raccolto dalla cooperativa del Marrone segnino che riunisce oggi un centinaio di produttori dei Monti Lepini. «Il nostro obiettivo – spiega Giuseppe Lorenzi, presidente della cooperativa del Marrone segnino – è la tutela e valorizzazione di questo straordinario prodotto. Il particolare momento critico delle piante e le difficoltà del settore non ci permettono tutt’ora quel salto di qualità che tutti noi sogniamo da anni. Servirebbe una radicale riforma, ma anno dopo anno stiamo aggiungendo qualcosa a questa produzione che continua a dare lavoro e a restituire ai produttori il giusto valore».

LEGGI ANCHE: La ricetta di Marco Graziosi con i Marroni

Un sogno chiamato “igp”, che è uno degli obiettivi manifesti dell’attuale sindaco Piero Cascioli, fautore anni fa dell’iscrizione al registro dei prodotti tipici dell’Arsial e oggi al fianco dei produttori per il rilancio del settore. «La strada è tutta in salita, non nascondiamo che ci sono tanti problemi da affrontare – dichiara il primo cittadino segnino. Tuttavia abbiamo iniziato un percorso insieme alle istituzioni sovracomunali per il rilancio del settore. Le nostre piante dopo la lotta al cinipide si stanno risollevando dalla malattia e sono tutt’ora in convalescenza. L’attuale produzione non rispecchia le nostre potenzialità, ma il territorio – continua il sindaco – vanta una storia e una tradizione che non possiamo cancellare con un colpo di spugna. È dovere di ciascuno di noi credere in un’azione di rilancio».

L’ultimo weekend di ottobre Segni celebra il marrone con una sagra che festeggia la fine della raccolta e l’inizio della lavorazione. Un’occasione per ricordare questo immenso patrimonio del territorio.

Si comincia giovedì 25 ottobre con l’apertura ufficiale delle cantine gastronomiche. Nel weekend si entrerà nel vivo della manifestazione, con notte di musica, spettacoli acrobatici e di artisti di strada. Da non perdere domenica il Corteo storico della copeta con la partecipazione di Banda Antica Segni e Sbandieratori e musici del Cardinale Borghese di Artena, piazza S.Maria.

IL PROGRAMMA

giovedi 25 ottobre (apertura): 

  • Ore 19.00. Apertura delle Cantine gastronomiche: Sagra’s warm up
  • ore 21-23 apertura straordinaria del Museo Archeologico comunale con visite alle sale espositive;

venerdi 26 ottobre:

  • dalle ore 16.30 la Sagra dei piccoliTeatro tradizionale dei burattini, a cura di Manuel Pernazza, presso giardini Jo Spassiggio
  • ore 17,30 convegno Il running dopo i 40 anni, Sala “Blonk Steiner” a cura ASC Colleferro -Segni;
  • ore 18.00: Presentazione Atlante della biodiversita’ floristica dei Monti Lepini, presso Sala Pio XI;
  • dalle ore 18.00 il Centro Storico ospita l’Arte di Strada
  • ore 18.45 Il volo delle Farfalle Segnine (ASD InVolo), piazza Santa Maria;
  • Ore 19.30 Spettacolo del fuoco (Mystik Fire), piazza Santa Maria
  • Ore 22.00, Spettacolo Acrobazia Aerea (Ludika), piazza Santa Maria
  • Itineranti area Centro Storico: trampolieri, balloon art, bolle di sapone giganti, spettacoli di magia (Ludika)
  • ore 20.00 Cena medievale presso Jo Scarabeo

Notte di musica e cantine (con i gruppi Limestone Peack Peakers, Ozen, Slams, Sbandatina)

27 ottobre sabato

  • Dalle ore 09.00 la Sagra dei piccoli -la piazza dei Giochi Medievali (a cura Ass.ne Ludika), piazza della Pretura
  • Ore 10.30 presso la Porta Gemina, Inaugurazione di ArtIIssima, rassegna d’arte a cura dell’IIS “via Gramsci” di Valmontone-Sede di Segni.
  • dalle ore 16,00 Musica itinerante al Centro Storico (Calabballà e Majorettes di Segni)
  • Bardi di Montefortino, Cavesja)
  • Dalle ore 17.30 L’Arte di Strada sul Corso
  • ore 17.30, Il volo delle Farfalle Segnine (ASD InVolo), corso Vittorio Emanuele;
  • Ore 18.45 Spettacolo Acrobazia Aerea (Ludika), corso Vittorio Emanuele
  • Ore 19.30, Spettacolo del fuoco (Mystik Fire), corso Vittorio Emanuele
  • Itineranti area corso Vittorio Emanuele: trampolieri, balloon art, bolle di sapone giganti, spettacoli di magia (Ludika)
  • Dalle ore 19.00  Musica popolare tra le cantine (con i Cavesja
  • ore 21.30 grande spettacolo di musica popolare con I Trillanti 

a seguire …notte di musica e cantine 

28 ottobre domenica:

  • ore 10.00 la Sagra dei piccoli -la piazza dei Giochi Medievali (a cura Ass.ne Ludika), piazza della Pretura
  • ore 10.00 Santa Messa in Cattedrale
  • Ore 11,00: Piazza S. Maria: Concerto della Banda Musicale Città di Segni  diretta dal M.° M.Vari, ospiti le gioiose note dell’I.C. ad indirizzo musicale “G.Petrassi” di Roma
  • Dalle ore 12,00: musica popolare tra le cantine (con Tric e Ballak, Bardi di Montefortino); 
  • Ore 15,30 Corteo storico della copeta con la partecipazione di Banda Antica Segni e Sbandieratori e musici del Cardinale Borghese di Artena, piazza S.Maria
  • Ore 17,00 esibizione Sbandieratori e musici del Cardinale Borghese di Artena
  • Ore 18.00 Musica itinerante sul Corso (Calabballa’ e Majorettes di Segni);
  • dalle ore 18,00 Grande spettacolo musicale dei Musicanti del Piccolo Borgo di Arezzo; piazza S.Maria 

a seguire … musica e cantine (con i …

e arrivederci all’anno prossimo

Visite guidate a cura del Museo Archeologico Comunale al Ninfeo di Q.Mutius.

  • sabato 27 ottobre dalle ore 15.00 alle 18.00
  • domenica 28 ottobre alle ore 10.30 alle 13.30

SABATO 27 OTTOBRE 

Ore 15.00; 11:15 Per vicoli e palazzi nel cuore di Segni

Ore 10:45 Quartiere medievale e Cattedrale

Ore 18:45 I tesori dell’arte barocca in Cattedrale. Momenti musicali al restaurato organo storico monumentale Morettini (1857)

DOMENICA 28 OTTOBRE 

Ore 10:30; 11:15 Per vicoli e palazzi nel cuore di Segni

Ore 10:45 Quartiere medievale e Cattedrale. Momenti musicali al restaurato organo storico monumentale Morettini (1857)

Visite guidate alla Città  cura degli studenti dell’ I.I.S. Via Gramsci – Sede di Segni

 

SABATO 27 OTTOBRE 

Ore 10:30; 11:15 Per vicoli e palazzi nel cuore di Segni

Ore 10:45 Quartiere medievale e Cattedrale

Ore 18:45 I tesori dell’arte barocca in Cattedrale. Momenti musicali al restaurato organo storico monumentale Morettini (1857)

DOMENICA 28 OTTOBRE 

Ore 10:30; 11:15 Per vicoli e palazzi nel cuore di Segni

Ore 10:45 Quartiere medievale e Cattedrale. Momenti musicali al restaurato organo storico monumentale Morettini (1857)

Mostre e mercati:

  • Non solo Segni d’arte, via Ritta;
  • Mobili Antichi, Giardino Sor Ginetto
  • Mostra di micologia
  • Sentieri battuti, Ass.ne La Cioppara mostra di  artigianato e antichi mestieri vicolo Trento;
  • LepinArt (Sabato e domenica), Mercatino dell’artigianato artistico (luogo da definire)
  • Mercato Medievale (sabato e domenica), Associazione Mastri del Tempo (carta a mano di Fabriano, miniato, rilegatura, orafo, concia delle pelli, pergamena, tessitura, cesti, legno-ferro-ceramica)
  • La mascalcia, Gruppo Ippico, largo Pericle Felici
  • Mostra fotografica, Fotoarte/Cristina Ciotti, via Ritta
  • Mostra d’arte Giusi Lorenzi/Nunzia Estetista
  • “ECO GIOIE DALL’AMAZZONIA”  Mercato equo e solidale a cura di Una vita un sorriso ONLUS Via Ezio Cleti
  • Mostra Micologica Via san Vitaliano, 57 

Commenti

Commenti

Il marrone segnino, alla scoperta dell’antica miniera di Segni (IL VIDEO) ultima modifica: 2018-10-22T14:56:18+00:00 da Massimiliano Bianconcini

leave a reply

Back to Top