Di nuovo a Tavola

Storie di food ed eccellenze nel Lazio

La spesaLe arance rosse di Sicilia arrivano nei supermercati: tutto quello che c’è da sapere quest’anno

Le arance rosse di Sicilia arrivano nei supermercati: tutto quello che c’è da sapere quest’anno

by

Le arance rosse di Sicilia IGP stanno per arrivare sulle tavole degli italiani. Dal 27 dicembre le arance rosse del Consorzio arancia rossa IGP, che ne controlla origine e genuinita’, saranno nei supermercati e nei banchi dei fruttivendoli. In occasione dell’apertura ufficiale della campagna di commercializzazione il presidente del Consorzio Arancia Rossa di Sicilia IGP Giovanni Selvaggi rassicura buyer italiani ed esteri e consumatori: “L’eccezionale ondata di maltempo di ottobre che ha investito la Piana di Catania e la provincia di Siracusa ha avuto conseguenze solo marginali sui frutti” “Le arance sono buonissime e le caratteristiche organolettiche intatte. Quest’anno piu’ che mai comprate Arance rosse di Sicilia IGP per far si che gli agrumeti danneggiati dal maltempo tornino a produrre a pieno ritmo questo eccellente frutto siciliano unico al mondo”.

Le arance rosse di Sicilia sono riconoscibili dal bollino IGP su ogni frutto. Le prime arance rosse ad arrivare sulle tavole saranno, come da tradizione, le Moro. Le arance Moro, caratterizzate dal colore rosso scuro della polpa e sono le prime a maturare tra le arance rosse. E’ possibile gustarle dai primi di dicembre a meta’ marzo. Le arance Tarocco, le piu’ diffuse e apprezzate tra le arance rosse, saranno pronte al consumo dall’8 gennaio del 2019. Le Tarocco rosse di Sicilia IGP, sono caratterizzate da una polpa priva di semi e di colore giallo arancio, con pigmentazioni rossastre piu’ o meno intense a seconda del momento di raccolta. Le arance Sanguinello, infine, saranno sui banchi della frutta per i consumatori a partire dal 9 febbraio.

Commenti

Commenti

Le arance rosse di Sicilia arrivano nei supermercati: tutto quello che c’è da sapere quest’anno ultima modifica: 2018-12-22T11:38:47+00:00 da Andrea Duca

leave a reply

Back to Top