Di nuovo a Tavola

Storie di food ed eccellenze nel Lazio

A tavolaAl TBSP American Barbecue di Roma il vino lo porti di casa. Così il conto diventa meno “salato”

Al TBSP American Barbecue di Roma il vino lo porti di casa. Così il conto diventa meno “salato”

by

Conto meno salato, a fine cena, con l’arrivo anche in Italia dell’usanza statunitense del BYOB (Bring your own bottle), che consente agli avventori di portarsi da casa la propria bottiglia di vino, da stappare al ristorante. A introdurre questa novità, nel panorama italiano della ristorazione, è il nuovo ristorante TBSP (The Bbq & Smoke Project) del Gruppo Galli, inaugurato recentemente in via Gallia 83 a Roma e specializzato in carne cotta con il sistema dell’American barbecue.

Le bottiglie di vino che i clienti porteranno da fuori verranno servite con calici e decanter dal personale del ristorante, con il solo ‘diritto di tappo’. Ma non solo: i clienti che porteranno le proprie bottiglie di vino, al termine del pasto lasceranno il proprio nome e bottiglia per partecipare alla competizione che premierà i migliori vini e abbinamento, stilata dai sommelier del ristorante in base alle valutazioni annuali della rivista internazionale Wine Spectator. Chi avrà portato la bottiglia più importante si vedrà riconosciuto un buono per quattro coperti omaggio, mentre i secondi a i terzi riceveranno rispettivamente due e un coperto omaggio. Un modo nuovo e divertente non solo per alleggerire il conto, ma anche per trovare l’occasione di stappare quel vino importante che giace da troppo tempo sullo scaffale della propria cucina, a prendere polvere.

Per vincere, però, attenzione anche agli abbinamenti: ricordatevi che nel ristorante TBSP potrete trovare – oltre alla celebre burger line, tra cui il gettonatissimo Smoked Chees Burger – i migliori tagli di carne selezionata e prodotta dal Gruppo Galli, tra cui il Pastrami di manzo, la New York Strip dry-aged, l’American BBQ Pulled Pork, la bistecca tomahawk.

Commenti

Commenti

Al TBSP American Barbecue di Roma il vino lo porti di casa. Così il conto diventa meno “salato” ultima modifica: 2019-05-06T12:44:22+00:00 da Carmine Seta

leave a reply

Back to Top