Di nuovo a Tavola

Storie di food ed eccellenze nel Lazio

A tavolaDa Proloco Trastevere arriva l’aperitivo 7 bocconi. Tutte le novità

Da Proloco Trastevere arriva l’aperitivo 7 bocconi. Tutte le novità

by
C’è aria di cambiamento da Proloco Trastevere, ultima creazione di Vincenzo Mancino, fondatore del format ristorativo “Proloco” che annovera ad oggi tre locali su Roma (Centocelle, in via Domenico Panaroli 35; Pinciano, in via Bergamo, 18; Trastevere, in via Goffredo Mameli, 23). Vincenzo Mancino è l’ideatore del marchio di qualità D.O.L. (Di Origine Laziale) che si occupa dal 2005 di selezionare e distribuire eccellenze enogastronomiche del territorio laziale.

A partire dal mese di ottobre, da Proloco Trastevere è possibile accomodarsi negli ampi spazi interni e nel dehor – inaugurato in estate –  non solo per il pranzo e la cena ma anche per l’aperitivo e il brunch domenicale. Tutte le domeniche dalle ore 12.00 alle ore 15.30 si può partecipare al Pranzo Contadino, il primo brunch della domenica dedicato ai piccoli artigiani della selezione D.O.L.

Alla guida del locale trasteverino, ubicato all’interno di un edificio del 1885, ci sono Elisabetta Guaglianone, compagna di vita e braccio destro di Vincenzo Mancino e due amici, grandi appassionati di gastronomia di qualità: Marco Natoli e Alessandro Salatino. “Il cibo è una scelta consapevole a favore della propria salute e di quella del pianeta per un’economia che favorisce l’agricoltura, il territorio e le tradizioni” è questa la filosofia che i proprietari di Proloco Trastevere portano avanti giorno per giorno.

LA PROPOSTA RISTORATIVA NEL DETTAGLIO
Tra la Fontana del Prigione al Gianicolo e Pizza di San Cosimato, ha sede Proloco Trastevere: una bottega con cucina incentrata sulle eccellenze produttive del territorio locale e sui piatti tipici della tradizione romana e laziale a cui si aggiunge la bontà delle pizze gourmet cotte a legna, leggere e digeribili grazie all’impasto lievitato 72 ore. Tra le altre peculiarità di questo ristorante, evidenziamo l’uso del forno Josper, ideale per preparare piatti di carne cucinati a carbone, proprio come tradizione comanda. In cucina, i giovani cuochi Francesco Minutillo e Luca Salatino, hanno ideato dei menu ad hoc per ogni momento della giornata rendendo così Proloco Trastevere un’appetibile sosta, da non perdere per chi si trova nello storico quartiere romano.

Il pranzo
Il menu del pranzo inizia con i famosi Taglieri DOL di salumi e formaggi, con il Misto sottoli Agnoni e con la Zuppetta di legumi bio. Tra i primi piatti della tradizione troviamo il Mezzo rigatone Lagano all’amatriciana con guanciale di filiera dol e pecorino romano Dop e alla carbonara con l’uovo biologico da allevamento all’aperto e a terra. A seguire il Capocollo di Mangalitza con crema di mele e chiodi di garofano e il Nostro Panino che varia periodicamente a seconda dei prodotti di stagione. Golosa chiusura con il Pane perduto al cioccolato con panna nobile.

L’aperitivo 7 Bocconi
Da Proloco Trastevere si può sostare dalle 17 alle 20 anche per consumare uno sfizioso aperitivo composto da 7 Bocconi che cambiano periodicamente secondo l’estro dello chef. Una divertente proposta di sette assaggi completa di prodotti tipici, piatti caldi e freddi da accompagnare a scelta tra vino, birra o signature cocktail realizzati dall’esperto barman Christian Novacco. Variegata la scelta di drink che spazia dai grandi classici a interessanti rivisitazioni. Da provare l’Amaro Tonic un mix di amari del Lazio con menta, lime, ginger ale , soda e spezie e ancora il Funky Mary il bloody mary con il pomodoro di Funky Tomato.

La cena
Si arricchisce l’offerta della sera da Proloco Trastevere. A cena si possono scegliere infatti sia i piatti della cucina che le pizze. Imperdibili i Taglieri di salumi e formaggi, mortadella di maiale nero e mangalitza e l’Ovetto al padellino con funghi cardoncelli. Il menu della cucina prosegue con i Pici freschi disponibili sia con ragù bianco di Mangalitza al brado che con Alici di Gaeta, burro erborinato e mollica croccante. Interessanti i secondi tra cui il Zucca Poti-marron con funghi galletto, pastinaca croccante e demi glace vegetale e la Bistecca di manzo nobile. Un dolce finale con Ricotta e visciole, Tiramisù fatto in casa e Panna cotta in frolla con composta di frutta di stagione.

Per chi ha voglia di pizza, il pizzaiolo Alessandro Splendori propone quelle a base rossa con mozzarella come ad esempio La Margherita Funky
e La Monti Lepini
con pomodoro Funky tomato, bufala di Amaseno, prosciutto di Bassiano e lime. A base bianca sono la Golosa con mortadella di maiale nero, burrata di Amaseno e pistacchi e la Margherita di Alessandro con ricotta aromatizzata al limone, pomodorini secchi e menta.

La carta dei vini è completa di etichette che raccontano il Lazio e il resto della Penisola. Uno spazio interessante è dato ai vini Triple “A”, agricoltori, artigiani e artisti; prodotti autentici, espressione delle storie di uomini che coltivano i vigneti nel pieno rispetto del ciclo naturale.

La domenica arriva il Pranzo Contadino
Grande novità targata Proloco Trastevere è il Pranzo Contadino, il primo brunch dedicato ai prodotti dei piccoli artigiani della selezione D.O.L. A partire dal 6 ottobre, tutte le domeniche dalle ore 12.00 alle ore 15.30 i clienti avranno la possibilità di degustare a pranzo le specialità agricole e i piatti tipici del territorio laziale. Il Pranzo Contadino è un brunch servito, composto dal Piatto del Contadino – un ricco assortimento delle rarità casearie del Lazio con salumi, formaggi, ortaggi di stagione e altre specialità calde e fredde -, un primo o un secondo a scelta e un dolce del giorno.

IL LOCALE
Ad accogliere una clientela eterogenea, un locale confortevole e creativo dove anche gli arredi e i materiali raccontano una storia. È così che il cestello di una lavatrice si reinventa e diviene lampadario, antiche lamine di ferro rivestono i pavimenti e luci da set fotografico illuminano la sala ristorante. Proloco Trastevere apre le sue porte e mostra un salone con divani chesterfield, dove poter attendere il proprio tavolo degustando una delle miscele presenti in carta. Due sale ospitano rispettivamente ristorante e pizzeria per un totale di 80 coperti all’interno e circa 15 posti all’esterno. A questo si aggiunge una deliziosa area soppalcata, dedicata a serate a tema e a corsi di avvicinamento al mondo dei formaggi, del vino, della birra e delle miscele.

Orario
Aperto dal martedì al sabato nei seguenti orari:
pranzo dalle 12.00 alle 15.00;
aperitivo dalle 17.00 alle 20.00;
cena dalle 20.00 alle 23.00;
Domenica: “Pranzo Contadino” dalle 12.00 alle 15.30
Chiuso la domenica sera e il lunedì.

Vincenzo Mancino-Bio
Lucano di nascita, romano di adozione: Vincenzo Mancino ha aperto nel lontano 2002 il primo ristorante biologico della capitale. Grande esperto della produzione e lavorazione dei salumi e dei latticini, da anni impegnato nella valorizzazione e tutela delle piccole realtà agricole attraverso alcuni progetti imprenditoriali tra i quali la bottega con cucina ProLoco DOL (Di Origine Laziale) e Cibo Agricolo Libero, un caseificio realizzato all’interno della sezione femminile del carcere romano di Rebibbia.
È ideatore e organizzatore di eventi e mostre mercato dedicate alle eccellenze artigianali casearie e dei salumi in tutta Italia. Ha favorito la rinascita di piccoli produttori destinati alla chiusura, salvaguardando così i prodotti rari  di altissima qualità. Il suo impegno è stato riconosciuto anche ad Expo 2005: all’interno del Padiglione Italia, Vincenzo Mancino è stato scelto per rappresentare, in forma di statuetta, la potenza del saper fare.

Commenti

Commenti

Da Proloco Trastevere arriva l’aperitivo 7 bocconi. Tutte le novità ultima modifica: 2019-10-04T13:05:57+00:00 da Silvia Casella

leave a reply

Back to Top