Di nuovo a Tavola

Storie di food ed eccellenze nel Lazio

A tavolaDalla “Pizza Romana alla Brace”, al gluten free: i successi di Straforno a Roma

Dalla “Pizza Romana alla Brace”, al gluten free: i successi di Straforno a Roma

by

A novembre del 2014 a Roma ha aperto Straforno, un locale poliedrico che coniuga la pizzeria e l’hamburgeria con l’arte della cucina italiana, soddisfacendo le esigenze di ogni cliente. Più di 750 metri quadri tra interno, esterno e veranda che, senza fatica, possono arrivare a ospitare 400 posti, ridotti a 121 nella riapertura post covid. Un’attività che ha sempre fatto i numeri senza mai scendere a compromessi in fatto di qualità ed eccellenze del made in Italy con piatti moderni e adatti a una serata da trascorrere in convivialità fuori casa. A gestire Straforno, Matteo Pavani insieme al padre Alessandro e lo zio Gianluca, i “tecnici dell’impasto”, e alla zia Laura, la regina della pasticceria, rigorosamente fatta in casa. Tutti insieme, dopo mesi di prove, hanno perfezionato il panetto quando ancora il progetto di Straforno era nella sua fase embrionale, lavorando di notte con la luce del cantiere accesa. Pochissimo lievito, 48 ore di lievitazione, altissima idratazione e un blend di farine del mulino Di Marco vicinissimo a Roma, che si divide tra frumento, soia e riso, per un risultato di altissima digeribilità. A stupire, però, la possibilità di scegliere tra ben 3 tipi di cottura: quella tradizionale su piano per focacce semplici, ripiene e poi c’è l’esclusiva Romana alla Brace, diventata addirittura un marchio registrato. Nonostante le voci della pizza siano state ridotte, ci sono ben 50 proposte tra cui opzionare la propria tonda.

Nel nuovo menù primavera/estate viene dedicata un’intera pagina a entrambi i tipi di focaccia e, se quelle base hanno una cottura più lenta di circa 4-5 minuti, le ripiene sono tirate fuori, aperte a metà, farcite e rimesse in forno per terminare la cottura. L’autenticità di Straforno è inoltre valorizzata dalla sua Pizza Romana alla Brace. Il segreto sta tutto nella preparazione del forno: dopo essere stato portato ad altissime temperature, la brace viene disposta sul piano del forno. La pizza viene poi cotta a fiamma bassa, in teglia, sopra la brace, e servita successivamente a spicchi. Tutte le pizze sono condite con gli ingredienti e le ricette della cucina di Straforno. E quindi, per esempio, la pizza con la parmigiana sarà fatta con il sugo della vera parmigiana di melanzane, una preparazione di famiglia che ricalca il sapore della classica pietanza.

Commenti

Commenti

Dalla “Pizza Romana alla Brace”, al gluten free: i successi di Straforno a Roma ultima modifica: 2020-06-11T16:18:15+00:00 da Amministratore dinuovoatavola

leave a reply

Back to Top